Business

2022: PMI, digitalizzazione e PNRR

January 05, 2022 by Qonto Italia
2022: PMI, digitalizzazione e PNRR

La pandemia e le misure per contenerla hanno segnato un’accelerazione della digitalizzazione in tutti i settori, sia per le aziende sia per i consumatori, portando alla graduale ma costante penetrazione di strumenti digitali all’interno della vita quotidiana.

Il bisogno di trasformarsi è stato particolarmente evidente per imprese e professionisti, per cui la digitalizzazione ha giocato e ancora oggi gioca un ruolo cruciale non solo in termini di opportunità ma anche come necessità fondamentale per rimanere competitivi sul mercato.

Digitalizzazione e PMI: l’Osservatorio Qonto e ProntoPro

Questa “rivoluzione digitale” trova conferma nei dati raccolti ed elaborati dall’Osservatorio Qonto e ProntoPro, attraverso un’indagine realizzata su un campione di oltre 100 PMI e oltre 500 professionisti che operano su tutto il territorio nazionale in diversi settori.

I numeri parlano chiaro: il digitale è ormai fondamentale per la maggior parte dei business. Oltre il 75% delle imprese (l’85% di quelle con più di 10 dipendenti) e dei professionisti italiani, dichiara infatti che l’utilizzo di strumenti digitali gioca un ruolo importante o molto importante per la propria attività.

2022: le imprese puntano sul PNRR

Digitalizzazione, innovazione e competitività delle PMI sono tra gli obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), approvato ad aprile 2021, che ha destinato circa 30,6 miliardi (oltre il 60%) all’innovazione e digitalizzazione delle imprese - aspetto ritenuto fondamentale per rilanciare l'economia del nostro Paese e allinearci con la media europea.

Le opportunità offerte dal PNRR saranno una guida importante per le aziende per tutto il 2022: oltre l’80% delle imprese e dei professionisti intervistati prevede di investire nella digitalizzazione del proprio business e di queste circa il 70% dichiara che utilizzerà gli incentivi messi a disposizione per sostenere la competitività del sistema produttivo nazionale attraverso la conversione al digitale della propria realtà.

In particolare, saranno le micro-imprese fino a 10 dipendenti a sfruttare gli incentivi governativi: il 95% del campione intervistato (l’80% del totale) sostiene che farà leva proprio su queste risorse.

Le aree strategiche per gli investimenti? Oltre il 40% degli intervistati investirà in programmi per attività di marketing e advertising, mentre circa un terzo del campione farà investimenti nello sviluppo di piattaforme di e-commerce. Sul terzo gradino del podio per aree di investimento, scelti da 1 intervistato su 3, i software gestionali - che salgono al primo posto tenendo in considerazione solo gli imprenditori a capo di aziende sopra i 10 dipendenti.

Cresce l’utilizzo di pagamenti e strumenti finanziari digitali

I dati raccolti dall’Osservatorio Qonto e ProntoPro restituiscono un interessante spaccato anche per quanto riguarda l’utilizzo di strumenti finanziari digitali, ritenuti strumenti preziosi per risparmiare tempo nella gestione del business.

Circa l’80% delle imprese e dei professionisti intervistati, infatti, sostiene di utilizzare servizi finanziari digitali quali banking online o strumenti per ottimizzare la gestione delle spese aziendali e la contabilità, mentre il 65% degli intervistati dichiara di aver aumentato l’utilizzo di questi strumenti in seguito allo scoppio della pandemia - una percentuale che sale ad oltre l’80% nel caso di imprese con più di 10 dipendenti.

Quasi il 70% del campione utilizza strumenti di pagamento digitale, come ad esempio POS Mobile o sistemi come Satispay e PayPal, e quasi il 45% ne ha adottati di nuovi dall’inizio dell’emergenza. Ad aver introdotto questi strumenti sono soprattutto le imprese con più di 10 dipendenti, con un’incidenza di quasi il 60% (per un totale di oltre l’80% che già utilizza questi servizi).

Questi dati confermano che il settore dei pagamenti è stato profondamente trasformato sia dal cambiamento delle abitudini di consumo durante l’emergenza sanitaria, sia dalle misure introdotte per aumentare l’utilizzo di strumenti di pagamento alternativi al contante, come il Cashback di Stato e il credito d'imposta sulle commissioni POS per i commercianti.

Un’opportunità per tutte le aziende

“Vogliamo dare a questi dati una lettura positiva, sottolineando lo sforzo che da più parti – imprese e Governo – si è fatto per promuovere la digitalizzazione nel Paese” ha commentato Mariano Spalletti, Country Manager di Qonto Italia. “Il PNRR è una opportunità per tutte le aziende italiane, comprese le piccole e medie, alle quali Qonto si rivolge in modo particolare, promuovendo servizi e soluzioni pensati per la loro evoluzione digitale per la gestione delle proprie finanze aziendali e non solo.” 

"I dati del nostro osservatorio evidenziano come l’emergenza Coronavirus abbia dato una forte accelerata alla digitalizzazione degli italiani” sottolinea Alessandro Frau, CEO di ProntoPro. “Anche a giudicare dal numero di nuove richieste che arrivano ogni giorno sul portale, sembra che abbiamo guadagnato in breve tempo 3-5 anni di alfabetizzazione digitale. Strumenti di promozione online, come ProntoPro, aiuteranno sempre più professionisti e aziende di servizi ad usare il web per ampliare il proprio lavoro”.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli: