Business

Finanziamenti online: mini-guida per PMI

March 16, 2022 by October Italia

Articolo a cura di October Italia.

L’impatto della pandemia ha impresso una notevole accelerazione alla trasformazione digitale del settore finanziario nel nostro Paese: le necessità e le aspettative delle PMI si sono allineate al nuovo contesto.

Il social distancing ha caratterizzato le relazioni personali come quelle professionali, portando a una riduzione degli incontri di persona e una compensazione tramite le soluzioni online.

Alla fine del primo anno di pandemia, l’Osservatorio Fintech e Insurtech del Politecnico di Milano stimava per le PMI una diminuzione dell’accesso alle filiali bancarie pari al 45% e, contestualmente, un ricorso all’home banking aumentato del 20%.

Contemporaneamente, anche a causa delle chiusure forzate dovute al lockdown e alla necessità di pianificare la ripresa, il 33% delle PMI dichiarava una propensione medio-alta a chiedere un prestito a breve termine o un finanziamento del capitale circolante a un attore innovativo.

In che modo si è evoluta la situazione negli ultimi due anni? Quali sono i trend in termini di digitalizzazione delle PMI? Quale le abitudini in materia di accesso al credito?

Scopriamolo insieme.

I numeri dei finanziamenti Fintech in Italia

Negli ultimi due anni, i finanziamenti erogati alle PMI italiane dalle piattaforme Fintech hanno subito una crescita significativa.

Secondo i dati forniti da ItaliaFintech, l’associazione che riunisce gli imprenditori del Fintech in Italia, nel 2020 i canali alternativi di finanziamento hanno fornito circa un 1,8 miliardi di liquidità addizionale alle imprese, con una crescita di quattro volte e mezzo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. 

I finanziamenti erogati da operatori Fintech hanno continuato a crescere nel 2021, raddoppiando sia in termini di volume sia per numero di società servite, raggiungendo i 3,7 miliardi di euro con oltre 12.000 aziende finanziate.

Una crescita resa possibile dall’utilizzo dei dati e dalla tecnologia, che ha portato gli operatori tradizionali a percepire i nuovi player come possibili partner anziché antagonisti.

Ciò ha implicato una crescita del numero delle partnership fra attori Fintech o tra Fintech e operatori tradizionali: i dati dell’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico lo confermano, insieme al rapporto PwC 2021 “Collaboration is the way for a more mature and sustainable growth of Italian FinTech”.

Un esempio in tale direzione è la partnership tra Qonto e October, grazie alla quale i clienti Qonto possono ottenere finanziamenti istantanei in pochissimi clic, direttamente dalla propria app Qonto.

Tutto avviene con una soluzione di embedded finance, ossia di finanza integrata, che permette alle società di fornire ai propri utenti servizi finanziari erogati da terzi, attraverso un’esperienza fluida e personalizzata.

L’evoluzione dei finanziamenti post Covid

A evolversi e cambiare, nell’ultimo biennio, non sono state solo le modalità di accesso ai finanziamenti, ma anche le finalità delle richieste di credito.

Il centro studi di October ha analizzato diversi settori, analizzandone da vicino uno dei più duramente colpiti dalle conseguenze della pandemia, ossia quello della ristorazione. 

Le imprese di questo settore hanno affrontato nella prima fase le chiusure forzate dovute al lockdown e successivamente il calo di frequentazione legato alle varie restrizioni anti-contagio.

Se nella primavera del 2020 la preoccupazione maggiore dei ristoratori era tutelarsi dal punto di vista finanziario, i dati analizzati da October hanno rilevato un’evoluzione delle esigenze verso interventi di messa in sicurezza dei locali e di investimento per l’ammodernamento degli spazi e dei servizi offerti.

Ovviamente non sono mancate nemmeno le imprese che hanno avuto la capacità di cogliere le opportunità offerte dal digitale, come dimostrato dalla crescita del food delivery.

La digitalizzazione, in generale, è anzi diventata uno strumento fondamentale con cui le PMI hanno reagito al contesto pandemico, attrezzandosi per rimanere competitive sul mercato.

Focus sui modelli di valutazione del rischio

A digitalizzarsi è stato anche il settore dei finanziamenti.

La crisi sanitaria del Covid-19 ha infatti implicato il crearsi di due situazioni: un aumento del numero delle richieste di prestito legate alla creazione di garanzie statali e un aumento dell'incertezza sulla probabilità di default.

Per mitigare il rischio, le società Fintech hanno sviluppato i propri modelli di scoring, di cui è importante comprendere il funzionamento e i vantaggi che possono offrire al cliente finale.

La case history di October è utile per raccontare le novità introdotte dal mercato.

Nel 2020, immediatamente dopo l’inizio dell’emergenza sanitaria, October ha supportato le PMI introducendo un finanziamento istantaneo basato su un modello di scoring del rischio di credito che esamina le informazioni finanziarie (bilancio e conto economico) e comportamentali delle PMI e assegna un punteggio al fine di determinare la probabilità di insolvenza.

Sulla base di questa prima esperienza, all'inizio del 2021 October ha lanciato un ulteriore modello, differente per tipologia di informazioni analizzate e per categoria di aziende interessate.

Il nuovo modello analizza le transazioni bancarie e i dati comportamentali per calcolare la probabilità di insolvenza del richiedente.

Quali sono i vantaggi per il cliente finale?

Le transazioni bancarie forniscono una visione unica delle operazioni quotidiane di un'azienda e un modello basato su di esse permette di analizzare la capacità del richiedente di rimborsare il prestito potenziale.

Questo è solo un esempio dell’accelerazione digitale impressa dalla pandemia e dell’abilità del mondo Fintech di tradurre le situazioni imprevedibili, come la recente crisi Covid, in opportunità.

Il settore del credito alle imprese ha intrapreso una nuova strada, in cui gli operatori innovativi hanno assunto il ruolo di abilitatori tecnologici a beneficio del mercato e degli imprenditori, ampliando sempre più le possibilità a loro disposizione.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli: