November 12, 2021 by Qonto

Spese di formazione e deducibilità: tutti i dettagli 

Spese di formazione e sulla relativa deducibilità: scopri tutto quello che c'è da sapere.

Ci siamo!

Prova Qonto gratis e senza impegno

Provalo gratis

Come si può intuire dal nome stesso, le spese di formazione (a differenza dei costi di rappresentanza) sono tutti quei costi che un professionista, un lavoratore autonomo, un titolare di partita IVA o un dipendente di un'impresa deve sostenere per partecipare a congressi, convegni, attività formative o per iscriversi a master. Per gli iscritti agli Ordini professionali la formazione è infatti spesso obbligatoria.

Solitamente rientrano in queste spese anche i costi di vitto e alloggio legati ad eventuali trasferte effettuate per motivi di formazione.

Spese di formazione: quale regolamentazione per gli autonomi?

Fino a pochi mesi fa, per gli autonomi le spese di formazione sono state regolamentate dall'articolo 54, comma 5 del Tiur. Tutti coloro che effettuavano per motivi lavorativi delle spese volte ad incrementare la propria formazione e le proprie conoscenze potevano dedurle al 50%. 

Con il cd. Jobs Act Autonomi i limiti sono cambiati. Ma cos'è il Jobs Act Autonomi? Si tratta di un provvedimento legato alla Legge di Stabilità. 

A chi si rivolge la nuova normativa?

In generale, le nuove norme previste dal Jobs Act Autonomi si rivolgono a:

  • Tutti coloro che sono iscritti ad ordini professionali 
  • Tutti i titolari di partita IVA senza Albo.

Cosa prevede la normativa? I limiti di deducibilità

In base alla normativa prevista dal Ddl Autonomi, la percentuale di deducibilità è aumentata dal 50% al 100% per i lavoratori autonomi e i professionisti. 

Tali limiti non riguardano, però, le spese di viaggio e di trasporto che possono essere necessarie per realizzare il corso o la formazione in questione - qualora la sede da raggiungere si trovi in un comune diverso rispetto alla sede di lavoro.

Ciò significa che il professionista deve distinguere le due spese:

  • Spese di formazione e di iscrizione: deducibili al 100%
  • Spese di vitto e alloggio: restano deducibili al 75%.
  • Spese di viaggio: regolamentate da criteri generali 

Spese di formazione 2020: quali sono deducibili?

Le spese di formazione deducibili 2020 al 100%? Non tutti i costi possono essere dedotti al massimo. Le uniche spese che un professionista può dedurre al 100% sono le seguenti: 

  • Spese relative alla partecipazione ad un corso di formazione professionale
  • Spese per l'iscrizione ad un master
  • Spese relative all'iscrizione a convegni e congressi
  • Spese per corsi di formazione.

Il limite di spesa annuo deducibile è pari a 10mila euro ma, come anticipato, un professionista non può dedurre integralmente le spese di vitto e alloggio legate a viaggi e soggiorni necessari per partecipare ad un corso o ad un convegno. 

Semplifica la gestione finanziaria del proprio business

Se sei un professionista (anche titolare di partita IVA), hai sicuramente bisogno di gestire in maniera ottimale le finanze e la contabilità del tuo business. Per questo esistono dei conti dedicati al mondo del business che rispondono in maniera più o meno completa ai bisogni di imprese e professionisti.

Qonto è il conto business 100% online per professionisti e titolari di partita IVA con cui gestisci in modo semplice tutti i pagamenti tramite carta di debito, bonifici e addebiti diretti. Per ogni transazione ricevi una notifica in tempo reale e puoi allegare il giustificativo alla ricevuta con una foto. Puoi accedere alla lista dei movimenti completa di giustificativi sia da web che da mobile.

Scegliendo Qonto, hai accesso a funzionalità specifiche dedicate a professionisti e titolari di partita IVA, nonché al supporto di un servizio clienti attento e ultra reattivo, che ti assiste in italiano sia via email che telefono in meno di 15 minuti.

Risparmia tempo prezioso con il conto Qonto!

Qonto risponde alle tue esigenze di professionista, sostenendo la crescita dei tuoi progetti.

Provalo gratis