July 09, 2020 by Qonto

Fattura elettronica B2C

Fattura elettronica B2C? Scopri con Qonto tutto ciò che c'è da sapere a proposito della fatturazione elettronica destinata ai consumatori privati.

Semplifica la tua quotidianità

Ottimizza la gestione contabile e finanziaria del tuo business con Qonto!

Provalo gratis

Quando si parla di fatturazione elettronica, capita spesso di imbattersi anche nei termini B2B e B2C. Ma cosa significano? 

Se hai a che fare quotidianamente con consumatori privati, allora il campo della fattura elettronica B2C è quello che fa al caso tuo. 

La fattura elettronica B2C

Come rivela il suo stesso nome, la fattura elettronica B2C è quella modalità di fatturazione elettronica che coinvolge anche il consumatore finale: B2C sta infatti per Business To Consumer

Ad introdurre la fatturazione elettronica anche per il consumatore privato (ovverosia per un soggetto non passivo di IVA) è stata la Legge di Bilancio 2018. La fattura elettronica B2C è entrata in vigore in maniera obbligatoria a partire dal giorno 1 gennaio 2019, insieme a quella B2B.

Ma prima di spiegare tutti i dettagli della fattura elettronica B2C, è opportuno capire brevemente cos'è una fattura elettronica.

Fattura elettronica: cos'è?

Le fatture elettroniche sono dei documenti digitali redatti in formato di file Xml. Questo formato ha sostituito per la prima volta quello cartaceo nel 2014, quando è diventato obbligatorio per tutte le operazioni riguardanti la Pubblica amministrazione (Fattura PA). 

Per redigerle e conservarle occorre seguire precise indicazioni e rispettare la normativa vigente. Una volta emesse, devono essere inviate al Sistema di Interscambio (ovverosia al cosiddetto Sistema SDI).

Il ruolo del Sistema SDI

Il Sistema SDI è un sistema informatico gestito dall'Agenzia delle Entrate che:

  • Riceve le fatture elettroniche
  • Effettua i controlli sui file ricevuti con lo scopo di individuare errori ed eventuali frodi fiscali
  • Recapita le fatture ai destinatari o, in caso di fattura erronea o incompleta, all'emittente stesso. 

Quando i due soggetti che si scambiano cessioni di beni o servizi - emittente e destinatario - sono soggetti passivi di IVA, significa che entrambi devono disporre di tutti i servizi e software necessari alla realizzazione di questo processo. 

Al contrario, questo non accade quando il destinatario è un consumatore privato non soggetto passivo ad IVA.

La conservazione di una fattura elettronica B2B

La conservazione di una fattura elettronica avviene interamente in modalità digitale: questo consente di mantenere nel tempo la leggibilità del documento e di custodire quest'ultimo in uno stato ottimale. 

Esistono dei software o programmi che consentono di eseguire la conservazione in maniera intuitiva, seguendo le disposizioni previste dalla normativa. Ne è un esempio il software offerto gratuitamente dall'Agenzia delle Entrate.

Fattura elettronica B2C: come funziona?

Come accennato, si parla di fattura elettronica B2C quando il documento interessa anche il consumatore privato. Ma cosa accade in questo caso? Che tipo di procedura occorre adottare e seguire?

Quando un'impresa o un professionista deve inviare la fattura ad un soggetto privo di partita IVA, ha l'obbligo di seguire due procedure parallele ma diverse. 

  • Inviare la fattura al Sistema SDI, inserendo al posto della partita IVA il codice fiscale del destinatario. Il Sistema SDI inserirà tutti i dati della fattura all'interno del servizio  di Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici, in modo tale da renderli visibili anche al consumatore finale (nel rispetto della privacy).

  • L'emittente deve comunque inviare o via email (formato analogico, in pdf) o via posta (formato analogico e cartaceo) una copia della fattura elettronica. L'acquirente non è quindi costretto ad iscriversi al servizio di Consultazione messo a disposizione dall'Agenzia delle Entrate.  

Ottimizzare la gestione del proprio business

Sebbene richieda molta attenzione, la fatturazione elettronica ha in realtà diversi vantaggi per il mondo B2B e B2C. Altrettanti vantaggi, come l'economicità e l'efficienza, sono garantiti dall'utilizzo di un conto aziendale online. 

A seconda della tipologia scelta, un conto aziendale online supporta la gestione finanziaria di un'attività e garantisce innovazione

Qonto, ad esempio, è il conto business 100% online per PMI e professionisti gestibile in tempo reale grazie ad un'app intuitiva (via web o mobile) - con la quale monitori anche lo storico e il tracciato delle transazioni. 

Qonto offre innumerevoli servizi e funzionalità pensate per facilitare non solo la quotidianità finanziaria ma anche quella contabile di imprese e professionisti (anche titolari di partita IVA). 

Qonto ti consente una gestione collaborativa del conto, grazie agli accessi dedicati ai tuoi collaboratori e alle carte nominative. Si tratta di carte di debito Mastercard fisiche, per tutti gli acquisti online e in negozio, e virtuali - per ogni acquisto online. 

 

Con Qonto puoi effettuare bonifici SEPA e SWIFT, addebiti diretti e tutte le altre operazioni di cui ogni utente del tuo team e la tua attività hanno bisogno.

 

Con Qonto è possibile fornire al tuo commercialista o al tuo esperto contabile un accesso in solo lettura che consente di:

  • Visualizzare il saldo ed esportare tutte le transazioni del conto;
  • Esportare e richiedere i giustificativi di spesa delle transazioni;
  • Modificare, commentare o filtrare i dettagli di una transazione (IVA, tag, ecc.).

Risparmia tempo prezioso

Ottimizza la gestione contabile e finanziaria del tuo business con Qonto!

Provalo gratis