December 11, 2020 by Qonto

Fattura elettronica a privati

Fattura elettronica a privati? Scopri tutti i dettagli con Qonto!

Ci siamo!

Prova Qonto gratis e senza impegno

Provalo gratis

L'obbligo della fatturazione elettronica non riguarda solo ed esclusivamente il B2B e la Pubblica amministrazione, ma anche i privati. Ma cosa si intende per fattura elettronica a privati? Scopriamolo insieme!

Fattura elettronica a privati

A partire dal 1° gennaio 2019 è stato esteso l'obbligo di fatturazione elettronica anche per operazioni B2B e B2C. Prima di questa data, la fatturazione elettronica era obbligatoria solo per la Pubblica Amministrazione (PA). 

Ma cosa si intende quindi per fattura elettronica a privati? L'obbligo di fatturazione elettronica riguarda anche i privati, in qualità di consumatori, destinatari di fatture elettroniche. Per ricevere una fattura elettronica, un consumatore o un cliente privato può scegliere di fornire il proprio indirizzo di posta elettronica e comunicare tutti i propri dati. Questa modalità non è però obbligatoria. 

Fatturazione elettronica per un privato senza partita IVA

Quando il privato cittadino, in qualità di consumatore privato, richiede una fattura o la sua copia non è tenuto a riceverla elettronicamente. Ciò significa che il consumatore privato non è obbligato ad avere o a fornire un indirizzo PEC all'esercente da cui acquista un bene o dal professionista a cui si è rivolto per un determinato servizio. 

Il professionista o l'esercente sono obbligati ad emettere la fattura elettronicamente per poterla inviare al Sistema SDI (Sistema di Interscambio) e a fornirla in formato cartaceo o ad esempio in pdf al consumatore finale

In questo caso quindi, se si tratta di fattura elettronica a privati, sono validi anche i documenti cartacei purché la fattura elettronica venga inviata al Sistema SDI. 

Un consumatore privato può consultare il formato elettronico delle fatture ricevute?

L'Agenzia delle Entrate mette a disposizione un servizio di consultazione delle fatture elettroniche: il servizio di Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici. Per rispettare la privacy, è possibile accedervi solo se si aderisce al sistema: a poter accedere è però solo ed esclusivamente il consumatore finale, non intermediari. 

Agenzia delle entrate: il servizio di consultazione

Come accennato, l'Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei consumatori privati e dei commercianti, professionisti un servizio di Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati. Per poter accedere a questo servizio, è necessario aderirvi: è possibile farlo direttamente nell'apposito sezione del sito web dell'Agenzia delle Entrate. 

In questo modo l'Agenzia salva i dati di ogni fattura digitale e li mette a disposizione per delle consultazioni. Qualora non ci fosse adesione da una delle parti, cedente/prestatore o cessionario/committente, l'Agenzia attende che la fattura arrivi al destinatario e poi elimina i dati dei file della fattura stessa e memorizza solo i cosiddetti "dati fattura". 

I termini per l'adesione al servizio

L'adesione all'area riservata e al sistema può essere realizzata fino al 30 settembre 2020. In caso di mancata adesione entro questa data sia del cedente/prestatore che del cessionario/committente, l'Agenzia delle Entrate cancellerà tutti i file delle fatture elettroniche e manterrà solo i dati fattura.  

È possibile aderire dopo il 30 settembre 2020? L'Agenzia delle Entrata consente l'adesione anche dopo la data limite indicata, ma l'utente potrà consultare solo le fatture emesse o ricevute dal giorno seguente l'adesione. 

Emissione fattura elettronica per privati: gli obblighi dell'emittente

Come accennato, l'emittente deve:

  • Inviare la fattura elettronica al Sistema SDI
  • Consegnare la fattura ai destinatari (clienti in questo caso) o in formato cartaceo o in formato pdf (quindi via email)
  • Comunicare al destinatario che la fattura è disponibile e visibile nel sistema di consultazione messo a disposizione dall'Agenzia delle Entrate.

Ottimizzare la gestione contabile e finanziaria del proprio business

Titolari di imprese e professionisti (anche titolari di partita IVA) si trovano a dover gestire diversi aspetti del loro business, spesso rubando tempo prezioso all'attività stessa.

Per poter gestire al meglio il proprio tempo e le proprie finanze, può essere utile affidarsi ai giusti strumenti in grado di soddisfare le proprie esigenze. È questo ad esempio il caso di un conto aziendale innovativo ed efficace.

Qonto ad esempio è il conto business 100% online nato per semplificare la quotidianità di PMI e professionisti. Si tratta di un conto online gestibile tramite un'app intuitiva (web o mobile) che ti consente di monitorare in tempo reale tutti i movimenti del tuo conto e di semplificare la gestione contabile

Con Qonto puoi offrire accessi dedicati sia ai tuoi collaboratori che al tuo esperto contabile.Puoi inoltre usufruire di carte di debito Mastercard nominative sia fisiche che virtuali e puoi effettuare tutte le operazioni di cui il tuo business ha bisogno, godendo di servizi o funzionalità flessibili e innovativi. 

Risparmia tempo prezioso e dedicato al tuo business

Con Qonto puoi ottimizzare la gestione contabile e finanziaria del tuo business, risparmiando tempo prezioso e concentrandoti sulle attività che davveri contano.

Provalo gratis